Perché il tutto non può apparire nella sua concreta determinatezza nel cerchio finito dell’apparire, testo di Vasco Ursini già pubblicato in Amici di Emanuele Severino

.

Questa impossibilità viene affermata da Emanuele Severino in “Essenza del nichilismo”, ove se ne dà la seguente motivazione: l’apparire infinito del tutto – cioè l’apparire la cui esistenza è necessariamente affermata e in cui appare senza alcun residuo la concreta determinatezza del tutto – non può sopraggiungere nel cerchio finito dell’apparire, il cui contenuto è quello cheattualmente si mostra e che è il “destino della necessità”, ossia è l’apparire finito del destino della necessità.
Attualmente nello sguardo dell’apparire finito del destino della necessità si mostra un mondo che lascia sopraggiungere continuamente in sé altri eventi, cioè altri eterni. E proprio perché è così aperto al sopraggiungere di altri eterni, tale mondo non è la totalità infinita concretamente onnicomprensiva dell’apparire.
È proprio in quanto la totalità concretamente onnicomprensiva degli essenti non può apparire si deve affermare che la “verità originaria”, secondo cui si struttura il destino nel cerchio attuale dell’apparire, è “contraddizione” e precisamente “contraddizione C”.

 

via (2) Amici di Emanuele Severino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.