Alessandro ha letto il mio saggio: Vasco Ursini, “Il dilemma verità dell’essere o nichilismo?, BookSprint Edizioni, 2013

Alessandro ha letto il mio saggio: Vasco Ursini, “Il dilemma verità dell’essere o nichilismo?, BookSprint Edizioni, 2013

Ho terminato il suo stupendissimo libro-compendio filosofico. Le cose da dire sarebbero talmente tante e talmente difficile per me da esprimere che è molto meglio mi astenga del tutto, tranne dal dirle la mia gratitudine per alcuni fatti certi: è la prima panoramica esaustiva della filolosofia contemporanea ‘onesta’, nel senso che mostra tutto ciò che c’è da sapere in modo semplice (perciò il più chiaro ed essenziale) e non tergiversa mai sui punti nodali, anche quando dichiara la posizione del “forse” oppure il propendere per una versione maggiormente che per un’altra. Sul pensiero di Severino si à scritto relativamente tanto ma quasi mai permettendo una parafrasi degli aspetti più ostici senza tradirli. Prima di lei, a mio personale parere, solo Vero Tarca si era cimentato in questo compito esemplificativo ma non riduttivo. Soprattutto credo che molte persone si riconosceranno in aspetti laceranti di questa diatriba interiore, su cui non riescono mai del tutto a trarsi fuori con sicurezza definitiva, a quanto pare neppure la persona (io empirico) di Severino ci riuscì del tutto. Quindi saremo assolti! Avendola letta più con calma ho potuto apprezzare quella stessa immediatezza antimanieristica di presentare il pensiero del Maestro e dell’altro maestro Heidegger, che avevo colto nella sua relazione. E’ mia convinzione che questo approccio alla materia permetta di espandere grandemente la diffusione nelle generazioni successive alla sua, come lo sono io, e quella che viene dopo la mia, della immensa ricchezza di pensiero insito nel Discorso sul Destino. Sarà un ponte formidabile che eviterà tra l’altro alle correnti neo(realistico-positivistico-materialistiche-postmoderniste) di liquidare quella teoresi a prezzo ribassato. Costituirà il suo scritto un ostacolo al giudizio approssimativo che spesso si dà nell’accostare Severino poco più cha a un trombone arzigogolante postcattolico e neoscolastico postmetafisico. Senza dirle nulla di personale in merito al mio modo di aver accolto in me (almeno in parte) la Verità del Destino, e restando in superficie della questione ultima, porto un enorme rammarico rispetto al vuoto speculativo (serio però) che si è prodotto anche per volontà di Severino stesso, sulle comparazioni in senso radicale col pensiero del misticismo orientale ed iniziatico in genere. So cosa ne ha detto Lui, ma è l’unica cosa che per me resta da compiere per la vera comprensione sul Destino è andare a cercare le coincidenze e le divergenze in modo approfondito non tanto e non solo con il monumentale Sapere pratico teorico di alcune di quelle metafisiche-nonmetafiche, ma soprattuto con l’esperienza diretta testimoniata da migliaia di anni di esseri umani che hanno attraversato stati coscienziali quasi identici a quelli indicati in quelle Scritture, testimoniandoli come ricorrenti e progressivi in un ordine invariato, e che – mio modesto parere – solo e proprio negli Scritti di Severino trovano la spiegazione più completa e corrispondete, ancor più che nelle loro stesse scritture. Tale convergenza de facto, seppur respinta per ragioni note sul piano teoeretico, è l’anello mancante vero per trasformare quel “forse” in un sì. Per portarsi fuori dal Nichilismo non solo in senso filosofico ma esistenziale, per sentire che lo sdoppiamento io-Io non è tale come appare. Che siamo già quell’eterno apparire degli eterni, ma in modo consapevole possiamo esserlo. Posso solo dirle che il suo libro mi ha finito di convincere proprio su questo tema, che ancora non riuscivo a rappresentarmi in modo chiaro nel senso di escludere ed emendare le interferenze depistanti. A me la verità del Destino non mi è giunta tramite studio dei testi, nei testi ho trovato la spiegazione di esperienze avute in stati non ordinari di Coscienza, o intuizioni sconvolgenti in momenti di estremo dolore, e solo poi dopo molti anni e tanto frequentare il sapere orientale e le sue pratiche, ho trovato che il Destino era l’unica descrizione appropriata e coerente di quelle stesse percezioni divenute stabili modi di fruire il senso della cosiddetta esistenza. Scusi la lungaggine ma volevo almeno darle un paio di motivi per farle sentire quanto e perchè ho così apprezzato questa lettura. Buon lavoro, in attesa di altre sue meditazioni pubbliche.
Alessandro
La suddetta recensione è dell’amico Alessandro Rossi che recentemente, dopo aver letto con grande attenzione e forte interesse il mio saggio, “Il dilemma verità dell’essere o nichilismo?, ha voluto manifestarmi tutto ciò che ne ha ricavato in termini di acquisizione e/o problematizzazione delle questioni filosofiche in esso affrontate”. Non nascondo il piacere e la gratitudine che questa sua robusta recensione mi procura.
Anzi ho deciso di trasferirla nel mio blog.
Vasco Ursini

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.