Vasco Ursini, Ancora sui due tipi di contraddizione

 

C’è la contraddizione che afferma e nega lo stesso dello stesso (il giallo è il non giallo, l’uomo é il non uomo), che già nel pensiero dell’Occidente viene negata dal principio di non contraddizione.

E c’è la contraddizione che nella ‘Struttura originaria’ viene chiamata “contraddizione C”.
Il contenuto del suddetto primo tipo di contraddizione è l’impossibile, che dunque non può essere un predicato del destino della verità.

La “contraddizione C” è invece essenzialmente diversa: è un tratto necessario, ineludibile, della struttura originaria del destino della verità. Essa è l’apparire del contenuto incontrovertibile – ossia del destino – che però non mostra la totalità della concretezza che pur compete al significare di tale contenuto.

Ed è per questo “non mostrare” quella totalità che la struttura originaria del destino della verità ha un ‘carattere astratto’.

Questo carattere astratto della verità originaria è appunto ciò che nella ‘Struttura originaria’ viene chiamato “contraddizione C”. Il destino della verità è dunque originariamente un astratto e per questo è contraddizione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.