STORIA DEL PENSIERO OCCIDENTALE: IL PENSIERO ANTICO, a cura di Emanuele Severino. Volume 1°: DALLE ORIGINI DELLA FILOSOFIA A PLATONE, Mondadori editore, 2019. Indice del libro

seve235

per l’acquisto vai a:

https://www.mondadoriperte.it/storia-del-pensiero-occidentale-a-cura-di-emanuele-severino.html

seve236seve237seve238

Emanuele Severino, SIAMO RE CHE SI CREDONO MENDICANTI, in Remo Bodei, Roberta De Monticelli, Giovanni Reale, Aldo Schiavone, Emanuele Severino, Vito Mancuso, CHE COSA VUOL DIRE MORIRE, a cura di Daniela Monti, Einaudi, 2010, pagg. 135-164. Indice del libro

MASSIMO CACCIARI, TRA ESSERE E DESTINO QUANDO LA FILOSOFIA È SCOMMESSA ESTREMA., pubblicato su http://www.repubblica.it/

 

In “Dike”, il suo ultimo lavoro, Emanuele Severino porta fino in fondo un’indagine metafisica che va oltre il divenire, la morte e il linguaggio
Se la filosofia nasce, sempre, dalla “meraviglia”, forse anche il discorso di un filosofo è in grado di destarla. “Meraviglia” di fronte a un problema che non ammette negligenza alcuna nell’essere affrontato. Una simile “meraviglia” suscita in me l’opera di Severino, e quest’ultimo Dike l’ha rinnovata. È un libro-summa; vi trovano sviluppo tutti i motivi fondamentali del suo pensiero, a partire dalla relazione che esso fin dall’inizio presenta con Parmenide.

vai a:

https://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2015/08/28/tra-essere-e-destino-quando-la-filosofia-e-scommessa-estrema46.html

Senso e strutture dell’incontrovertibile nella prospettiva del Pensiero occidentale e nello sguardo del Destino, in Emanuele Severino, Volontà, destino, linguaggio. Il soggetto di fronte all’assoluto, Rosemberg & Sellier

597-225x270

vai a:

https://books.openedition.org/res/629?fbclid=IwAR0MR6EproQxyDf5czm4ZVIy0W61hIGiH7SZASzOfcpH0fijJ8ekMY3F8I8

Recensione e commento del libro: Emanuele Severino, LA POTENZA DELL’ERRARE. Sulla storia dell’Occidente, Rizzoli, Milano 2013. Testo di Claudio Tugnoli, in academia.edu, 24 novembre 2015

VAI A

https://www.academia.edu/18920260/Recensione_e_commento_di_Emanuele_Severino_La_potenza_dell_errare._Sulla_storia_dell_Occidente_Rizzoli_Milano_2013?email_work_card=title

Emanuele Severino, l’infinita ricerca (sul libro «TESTIMONIANDO IL DESTINO») – di PIERLUIGI PANZA, in Corriere.it, 19 gennaio 2019

Emanuele Severino, l’infinita ricerca

In «Testimoniando il destino» (Adelphi) il decano dei pensatori italiani rilegge,
alla vigilia dei novant’anni, i testi che lo hanno imposto a partire dal 1958

vai a

https://www.corriere.it/19_gennaio_18/emanuele-severino-filosofia-pensatore-ricerca-novant-anni-771e19a2-1b3a-11e9-a392-0b2e66f10fec.shtml?fbclid=IwAR1PbL-R8o5hanbjJSXpmUnVe3dj46AgEmqGzOvD6-0aHtizSN9WchXrEiU

Emanuele Severino, Lezioni milanesi: ONTOLOGIA E VIOLENZA (2016/2017), a cura di Nicoletta Cusano, Mimesis editore, 2019. Indice del libro

seve onto2012
seve onto2013
seve onto2014
seve onto2015

alcuni punti chiave:

  • la tecnoscienza dominerà il pianeta, in quanto ascolta ” il sottosuolo filosofico del nostro tempo”
  • si va verso un’epoca in cui “non sarà più il capitale a servirsi della tecnica, non sarà più la democrazia o l’islam o il cristianesimo o i nazionalismi o gli Stati a servirsi della tecnica, ma sarà la tecnica a servirsi di essi”

vedi anche https://emanueleseverino.com/2018/10/03/severino-emanuele-lezioni-milanesi-il-nichilismo-e-la-terra-2015-2016-a-cura-di-nicoletta-cusano-mimesis-2018-testo-tratto-dal-ciclo-di-lezioni-tenute-alla-universita-vita-salute-san-raffaele/

Vasco Ursini scrive su: Emanuele Severino, Essenza del Nichilismo (Paideia, Brescia 1972; seconda edizione ampliata, Adelphi, Milano 1982).

 

In quest’opera, che si compone di diversi studi assai importanti tra cui il discutissimo “Ritornare a Parmenide” (in “Rivista di filosofia neoscolastica”, LVI, 1964, n. 2, pp. 137-175: poi in “Essenza del Nichilismo), Severino sviluppa una dottrina dell’essere che in qualche modo si rifà all’ontologia parmenidea – che egli però corregge radicalmente – e ne ricava una diagnosi critica della storia della filosofia e della civiltà occidentale, diagnosi sicuramente inaudita, Eccola: “La storia della filosofia occidentale è la vicenda dell’alterazione e quindi della dimenticanza del senso dell’esssere, inizialmente intravisto dal più antico pensiero dei Greci. E in questa vicenda la storia della metafisica è il luogo ove l’alterazione e la dimenticanza si fanno più dificili a scoprirsi: proprio perché la metafisica si propone esplicitamente di svelare l’autentico senso dell’essere, e quindi richiama ed esaurisce l’attenzione sulle plausibilità con cui il senso alterato si impone. La storia della filosofia non è per questo un seguito di insuccessi: si deve dire piuttosto che gli sviluppi e le conquiste più preziose del filosofare si muovono all’interno di una comprensione inautentica dell’essere” (Ritornare a Parmenide, in Essenza del Nichilismo, Adelphi, Milano 1982, p. 19).
Le tesi espresse in questo scritto, secondo le quali tutti gli enti, in quanto “sono, sono eterni, fecero scandalo e furono condannate ufficialmente dalla Chiesa perché inconciliabili con la dottrina cattolica, in particolare con la dottrina della creazione ex nihilo.
Riallacciandosi alla fondazione dell’ontologia espressa in “La struttura originaria”, Severino mette in luce l’evidenza inoppugnabile del principio ontologico secondo il quale “l’essere è e non può non essere”. Questa incontraddittorietà dell’essere si fonda sul principio di non contraddizione e nella sua incontrovertibile validità: chi, infatti, volesse negare tale validità dovrebbe implicitamente farvi ricorso e riaffermarla attraverso la sua negazione che dunque si autoannulla. Detto in altri termini, in quanto l’essere è l’immediatamente innegabile e l’innegabilmente immediato, la struttura originaria dell’essere è la struttura della “necessità”. Tale “necessità” esprime il senso assoluto dell’innegabilità quale autonegatività immediata del proprio negativo. In quanto il proprio negativo è immediatamente autonegativo, la struttura originaria è ciò che “sta”, innegabilmente ed eternamente.
(Il discorso s’interrompe qui, ma sarà ripreso in un prossimo post).