Si fa presto a dire “Riforma Gentile” (parte prima) – in Il Pensiero Storico. Rivista internazionale di storia delle idee

Si fa presto a dire “Riforma Gentile” (parte prima)

vai a

Si fa presto a dire “Riforma Gentile” (parte prima) – Il Pensiero Storico. Rivista internazionale di storia delle idee

Nicoletta CUSANO, Architettura, forma del pensiero. La lezione di Emanuele Severino, in Corriere della Sera (sezione Terza Pagina), 14 maggio 2021, pag. 41. Sul libro TECNICA E ARCHITETTURA ripubblicato dall’editore Mimesis nel 2021

letto in edizione cartacea

cerca in:

https://www.corriere.it/

vai alla scheda della prima edizione del libro:

“Ciò che è vivo e ciò che è morto del Dio cristiano”, di Danilo Breschi e Flavio Felice | in Letture.org

“Ciò che è vivo e ciò che è morto del Dio cristiano” di Danilo Breschi e Flavio Felice

vai a:

“Ciò che è vivo e ciò che è morto del Dio cristiano” di Danilo Breschi e Flavio Felice | Letture.org

La tecnica è la capacità, scientificamente controllata, di produrre e distruggere le cose, da Gazzetta filosofica | Facebook

« La tecnica è la capacità, scientificamente controllata, di produrre e distruggere le cose. In linea di principio, essa considera ormai la stessa totalità delle cose come producibile e distruggibile mediante operazioni scientificamente controllate. Al fondamento del progetto tecnologico del dominio di tutte le cose sta il senso che il pensiero greco ha assegnato alla «cosa»: proporsi la produzione-distruzione scientificamente controllata di tutte le cose significa innanzitutto pensare la «cosa» come ente, ossia come ciò che può uscire e ritornare nel nulla. Il tempo è appunto questo uscire e ritornare nel nulla da parte delle cose. Solo in quanto la «cosa» è pensata come ente, cioè come essere nel tempo, è possibile il dominio tecnico delle cose. La capacità tecnica di produrre e distruggere è infatti la capacità di guidare le cose dal nulla all’essere e dall’essere al nulla. »
Emanuele Severino, “Téchne. Le radici della violenza”

Indice del libro di Umberto Eco: Vertigine della lista

vai alla scheda del libro

TecaLibri: Umberto Eco: Vertigine della lista

Indice


     Prefazione                            7


 1.  Lo scudo e la forma                   8

 2.  L'elenco o la lista                  14

 3.  L'elenco visivo                      36

 4.  L'indicibile                         48

 5.  Liste di cose                        66

 6.  Liste di luoghi                      80

 7.  C'è lista e lista                   112

 8.  Scambi tra lista e forma            130

 9.  Retorica dell'enumerazione          132

10.  Liste di mirabilia                  152

11.  Collezioni e tesori                 164

12.  La Wunderkammer                     200

13.  Definizione per proprietà           216
     e definizione per essenza

14.  Il cannocchiale aristotelico        230

15.  L'eccesso, da Rabelais in avanti    244

16.  L'eccesso coerente                  278

17.  L'enumerazione caotica              320

18.  Gli elenchi dei mass media          352

19.  Liste di vertigini                  362

20.  Scambi tra lista pratica            370
     e lista poetica

21.  Una lista non normale               394

Vasco Ursini: mai più la filosofia dovrà discostarsi o addirittura prescindere dalla reale “condizione esistenziale” dei mortali, in riferimento al libro: Essere anziani oggi. Riflessioni su invecchiamento e morte, a cura di FRANCESCA MAZZUCCHELLI. Autori: Fabrizio Giunco, Marco Noli, Ludovica Caputo, Francesco Curto, Francesca Mazzucchelli, Augusta Foni, Cesare Viviani, FrancoAngeli, 2019

mai più la filosofia dovrà discostarsi o addirittura prescindere dalla reale “condizione esistenziale” dei mortali

vai alla scheda del libro:

Essere anziani oggi. Riflessioni su invecchiamento e morte, a cura di FRANCESCA MAZZUCCHELLI. Autori: Fabrizio Giunco, Marco Noli, Ludovica Caputo, Francesco Curto, Francesca Mazzucchelli, Augusta Foni, Cesare Viviani, FrancoAngeli, 2019

Vasco Ursini, La filosofia, sin da quando è nata, si è subito caratterizzata come attivita’ che porta dentro di se’ il concetto di crisi… Dal libro: Una filosofia per il tempo che viviamo

La filosofia, sin da quando è nata, si è subito caratterizzata come attivita’ che porta dentro di se’ il concetto di crisi..

( Vasco Ursini ). – Dal libro: “Una filosofia per il tempo che viviamo”.

da

(5) Amici di Emanuele Severino | Facebook

Vasco Ursini: La Struttura originaria ….

La “struttura originaria dell’essere” è ciò che è necessariamente presente in quanto un essente è e appare. Se questa struttura non fosse presente, nessun essente potrebbe essere e apparire. La struttura originaria è dunque la sintassi fondamentale dell’essere.

Questa sintassi è un intreccio inscindibile di significati e, in quanto tale, essa è una struttura, cioè un complesso logico-semantico di determinazioni che devono essere presenti affinché un essente possa apparire.

La struttura originaria dell’essere, per il fatto che l’essere è l’immediatamente innegabile e l’innegabimente immediato, è la struttura originaria della “necessità”.

Poiché tale “necessità” esprime il senso assoluto dell’innegabilità quale autonegatività immediata del proprio negativo, la struttura originaria è ciò che “sta” innegabilmente ed eternamente.

Umberto GALIMBERTI incontra il suo maestro Eugenio BORGNA , in occasione dell’uscita del libro: Il fiume della vita. Una storia interiore, Feltrinelli, 2020

Umberto Galimberti incontra il suo maestro Eugenio Borgna, in occasione dell’uscita di “Il fiume della vita”, l’autobiografia di quest’ultimo – https://bit.ly/3bnWpor.

In questo periodo le fragilità di tutti noi emergono in maniera incontenibile. Due personaggi straordinari – attraverso una riflessione basata sulle rispettive competenze in psichiatria, filosofia e psicologia – si confrontano ad altissimo livello e ci aiutano a trovare una strada. Un video e un libro imperdibili. Quando le parole sono musica… 

Indice del video:

00:45 – Il tema del libro; Il senso della fragilità dell’esistenza e la follia.

06:42 – La psichiatria non ha certezze; Gli abissi dell’anima; Follia femminile.

16:03 – La psichiatria fenomenologica; Gentilezza e accoglienza; Quando le parole sono musica.

23:54 – Non più anima e corpo, ma corpo e mondo; La malattia della psichiatria e come curarla.

37:41 – Diagnosi: capire i sintomi non significa capire l’anima.

44:01 – Curare con l’empatia. Capire i sentimenti, gli stati d’animo e la malattia.

51:00 – L’ospedale psichiatrico e la Rivoluzione di Basaglia.

59:12 – La formazione degli psichiatri. La psichiatria come scienza umana ed etica.

Registrato a Novara il 15 febbraio 2020

Eugenio Borgna, “Il fiume della vita”, Feltrinelli Editore – https://bit.ly/3bnWpor

Varcando la soglia tra il nulla e l’eternità: l’arte di Pirandello – di Danilo Breschi, in Il Pensiero Storico. Rivista internazionale di storia delle idee

vai a

Varcando la soglia tra il nulla e l’eternità: l’arte di Pirandello – Il Pensiero Storico. Rivista internazionale di storia delle idee

L’alienato tra libido e destrudo: Pierre Drieu La Rochelle – di Danilo Breschi in Il Pensiero Storico. Rivista internazionale di storia delle idee

L’alienato tra libido e destrudo: Pierre Drieu La Rochelle

vai a

L’alienato tra libido e destrudo: Pierre Drieu La Rochelle – Il Pensiero Storico. Rivista internazionale di storia delle idee

Martin Heidegger. Essere e tempo. La differenza ontologica tra essere e ente. L’ente non è la totalità dell’essere. “Una filosofia per il tempo che viviamo” Vasco Ursini. Pag. 43

Martin Heidegger. Essere e tempo. La differenza ontologica tra essere e ente. L’ente non è la totalità dell’essere. “Una filosofia per il tempo che viviamo” Vasco Ursini. Pag. 43

da

Amici di Emanuele Severino | Facebook

Lo spirito umano non può essere meccanizzato e ridotto entro leggi generali. Questo in sintesi volevano affermare le avanguardie artistiche dell’inizio del novecento. “Una filosofia per il tempo che viviamo” Vasco Ursini. Pag. 39

Lo spirito umano non può essere meccanizzato e ridotto entro leggi generali. Questo in sintesi volevano affermare le avanguardie artistiche dell’inizio del novecento. “Una filosofia per il tempo che viviamo” Vasco Ursini. Pag. 39

da

Amici di Emanuele Severino | Facebook