IL SENTIERO DEL GIORNO, in La filosofia futura n. 14, Mimesis editore, 2020

vai alla scheda dell’editore: http://mimesisedizioni.it/la-filosofia-futura-n-14-2020-il-sentiero-del-giorno.html

Con un testo inedito di
Emanuele Severino

Con la relazione di
Friedrich-wilhelm Von Herrmann
(Prima Edizione Italiana, Dal Congresso H&s Brescia 2019)

Francesco Alfieri
Francesco Altea
Giuseppe Barzaghi
Enrico Berti
Massimiliano Cabella
Alessandro Carrera
Hervé Cavallera
Nicoletta Cusano
Massimo Doná
Giulio Goggi
Eugenio Mazzarella
Leonardo Messinese
Federico Perelda
Carlo Scilironi
Luigi Vero Tarca
Ines Testoni
Mauro Visentin
Vincenzo Vitiello

A tu per tu con… Massimo Donà – di Davide D’Alessandro, in gazzettafilosofica!, 16 maggio 2019

La prima parte dell’intervista al filosofo e jazzista, in cui ci parla del suo rapporto con Hegel e con il maestro Severino, pensatori dell’Origine, dell’infinita avventura della filosofia e delle sue connessioni con le arti e la poesia. Nella seconda parte: Aristotele, Kant, Gentile e Emo; il ruolo dello Stato; la meditazione sull’acqua; Shakespeare e Leopardi.

 

vai a   A tu per tu con… Massimo Donà (I) – Benvenuti su gazzettafilosofica!

Vasco Ursini, Massimo Donà sprofonda nel non essente

 

Che cos’è che noi incontriamo nella nostra vita? Sempre e solamente il non essente”.
Queste parole le ha pronunciate Massimo Donà, il prof Massimo Donà, professore di Metafisica e ontologia dell’arte presso l’università Vita-salute San Raffaele di Milano, e le ha pronunciate nel corso della quinta edizione della festa di scienza e filosofia a Foligno del 2015.

Che cosa c’è di strano? Il fatto è che Donà è stato uno degli allievi più brillanti di Severino, egli conosce molto bene gli scritti del filosofo bresciano. Donà, sulla scia di Sant’Agostino, ritiene che il presente, l’istante (hic et nunc), non sia esteso, altrimenti sarebbe una durata: il presente è inesteso, è il semplicissimo, l’istante è il confine che separa il passato dal presente.

Nessuno può afferrare l’istante; se cerchi di afferrarlo, passa immediatamente (“non c’è mai, non consiste”).

Ancora: “Abbiamo il passato in cui ad esser presente è ciò che non è più. Il passato è presente come memoria”. Continua Donà: “Quando il futuro appare come futuro? Quando non è ancora”. “Nel tempo appare il non esserci di ciò che è”. Ma allora che cosa esiste per Donà? “Quel che è…È ciò che non è ancora (il futuro), ciò che non è più (il passato) e ciò che non è (il presente). “Il non essere è ciò che sempre è in virtù della potenza trascendentale del tempo che porta all’essere ciò che non è”. Di più: “Ciò che è non esclude il non essere ma lo manifesta”.


Di che cosa è fatta la mia vita? “La mia vita è fatta di tutto ciò di cui ho memoria e poi ci sono le speranze, le attese”.

E dopo?

“Basta”, sostiene Donà, non c’è altro. “Io sono ciò che non sono” afferma Donà citando le parole che Shakespeare mette in bocca a Iago nell’Otello. Bene. “Abbiamo il passato in cui ad esser presente è ciò che non è più” afferma Donà, ma che cosa egli voglia dire con “non è più” non è dato sapere. Egli si guarda bene dal fornirci qualche barlume intorno a quel nido di vipere costituito da due espressioni apparentemente innocenti come “ciò che non è più” e “ciò che non è ancora”. Non c’è verso, tu puoi sfogliare tutte le pagine dei suoi libri, ma non salta mai fuori uno straccio di spiegazione né intorno al significato del “non è più” né intorno al significato del “non è ancora”. Sembra che per Donà siano parole il cui significato è autoevidente.

Poiché, ripeto, Donà è allievo di Severino, egli, da bravo teoreta qual è, non dovrebbe forse gettare luce anche sul significato di un’espressione cruciale come “portare all’essere ciò che non è”?

 

via Amici di Emanuele Severino

EMANUELE SEVERINO, Volontà, fede e destino, a cura di Davide Grossi, con un saggio introduttivo di Massimo Donà, Mimesis, 2008, p. 72. Contiene anche 18 audio delle lezioni. Indice del libro

SEVERINO MIMESIS1905SEVERINO MIMESIS1906SEVERINO MIMESIS1907SEVERINO MIMESIS1908SEVERINO MIMESIS1909

L’Eternità dell’essente e la Gloria, presentazione del volume ” Emanuele Severino” di Giulio Goggi. VIDEO di 2 ore e 31 minuti con: Massimo Cacciari, Massimo Donà, Giulio Goggi e Emanuele Severino. Università Vita-Salute San Raffaele, 15 Novembre 2016

Il professor Cacciari ed il Professor Donà moderano l’incontro di presentazione del volume monografico ” Emanuele Severino” del Dottor Goggi. Ospite d’onore è proprio il noto filosofo, protagonista del volume, Emanuele Severino.
L’incontro si è tenuto, presso l’Università Vita-Salute San Raffaele, il 15 Novembre 2016.

GIULIO GOGGI, Emanuele Severino, Lateran University Press, 2015, pagg. 510

goggi4968goggi4969goggi4970goggi4971goggi4972goggi4973goggi4974

goggi4975