CIÒ CHE È VIVO E CIÒ CHE È MORTO DEL DIO CRISTIANO, in Pensiero Storico n. 8, 2020

È disponibile il nuovo numero (8) del Pensiero Storico:

“CIÒ CHE È VIVO E CIÒ CHE È MORTO DEL DIO CRISTIANO”

Ordinabile scrivendo a: info@aracneeditrice.it

oppure acquistabile direttamente qui: http://www.aracneeditrice.it/index.php/pubblicazione.html

Carmelo VIGNA, La fede, la ragione, l’essere. Obiezioni a Emanuele Severino , in Le parole dell’Essere. Per Emanuele Severino, a cura di Arnaldo Petterlini, Giorgio Brianese, Giulio Goggi, Bruno Mondadori editore, 2005, pagine 675-690

vai alla scheda del libro:

https://emanueleseverino.com/2021/01/19/le-parole-dellessere-per-emanuele-severino-a-cura-di-arnaldo-petterlini-giorgio-brianese-giulio-goggi-bruno-mondadori-2005-pagine-718-indice-del-libro/

Emanuele Severino nei suoi rapporti con la chiesa cattolica . Testo di Vasco Ursini

Emanuele Severino è il più grande filosofo vivente (anche se pare che non si deve dire mai “il più grande… vivente” quando è vivente), sentirlo parlare da uomo, sorpreso lui stesso di ciò a cui la filosofia l’ha portato (per esempio all’unico processo del Sant’Uffizio dopo Galileo Galilei), in un’intervista radiofonica, suona così: <<Le opposizioni (dell’Università cattolica) incominciarono già con la pubblicazione de “La struttura originaria” (1957), solo che essendo quello un libro complesso, sistematico, in qualche modo scivolò via e non fu fermato anche perché in quel libro si affermava la possibilità della fede e invece con “Studi di filosofia della prassi” (…) si rifletteva sul concetto di possibilità, questo voleva dire che se la fede è una possibilità allora è tale solo in quanto è anche la possibilità contraria: se è possibile che piova vuol dire che è anche possibile che non piova. (…) Si dice in quel libro che c’è la possibilità che l’aver fede vanifichi la verità, cioè che sia la negazione massima della verità e quindi questo discorso destò le preoccupazioni soprattutto di Monsignor Colombo che però era potentissimo perché era il rappresentante del Vaticano in Cattolica (…) Nel 1964 pubblicai un articolo intitolato “Ritornare a Parmenide” e rendevo esplicito che cosa?… ecco qui c’è il passaggio, mentre ne “La struttura originaria” ritenevo di potere mantenere e conservare l’intero patrimonio della storia del pensiero filosofico, compresa la possibilità del Cristianesimo, viceversa in quegli anni è emerso che la storia del pensiero filosofico era la storia di quel “diventar altro” che invece era incompatibile con la tesi dell’eternità che ne “La struttura originaria” incominciava ad essere espressa. Ecco col 1964 iniziano le discussioni… e allora intervenne la Chiesa. Ma devo dire che quando scrissi “Ritornare a Parmenide” ero consapevole di quello che sarebbe accaduto. Io continuo a credere anche adesso che un’Università confessionale debba esigere dai propri docenti che si mantengano all’interno di quella confessionalità. Quindi quando cominciai a scrivere “Ritornare a Parmenide” ero pienamente consapevole che non sarei potuto restare all’Università Cattolica… Se tutto è eterno non ci può essere un Dio creatore, che giudica, che porta alla fine dei tempi, che è l’eterno privilegiato rispetto a tutte le altre cose. Qui invece siamo in piena “democrazia ontologica”, qualsiasi cosa merita di essere eterna, è eterna. Non c’è il rapporto fra signore e servo tipico di ogni atteggiamento religioso… Però attenzione! C’è un altro teorema che afferma la necessità della storia, la necessità dell’errore, cioè la verità ha bisogno che l’errore venga a galla per essere negato, se l’errore restasse nascosto la verità sarebbe una specie di vergine innocente che non riesce a combattere e a vincere il proprio avversario, quindi l’errore non è dovuto alla pochezza mentale dei grandi giganti del nichilismo: hanno fatto un lavoro necessario, guai se non ci fosse l’errore, guai se non si manifestasse l’errore, guai se non ci fosse il dolore che l’uomo ha sperimentato durante tutta la sua storia. Ma è proprio perché c’è quel dolore che c’è la necessità di andar oltre quel dolore, l’agonia porta a quella che chiamo “gioia”… (Il processo al Sant’Uffizio) io mi recai nel palazzo del Sant’Uffizio mi pare alle nove, mi fu servito del tè con i pasticcini poi iniziammo e andammo avanti fino alle due mi pare… dopo qualche tempo arrivò la dichiarazione di incompatibilità ma ero perfettamente d’accordo.. Oh dirò che uno dei giudici, Nicoletti, in seguito alla conoscenza del mio discorso, lasciò la tonaca.

Emanuele Severino su alcuni momenti del processo del Sant’Uffizio al suo pensiero filosofico, in Il mio ricordo degli eterni, Rizzoli, p. 96

Prima dell’inizio del processo, i periti – “giudici”, nel linguaggio canonico – avevano avuto a disposizione alcuni mesi per stendere il loro “Voto”, che poi era un vero e proprio saggio sul mio discorso filosofico. Il “voto” di Fabro era il più ampio, ed egli ne trasse in seguito un libro, intitolato ‘L’alienazione dell’Occidente. Osservazioni sul pensiero di Emanuele Severino’, Quadrivium, 1981. È stato certo una delle figure più importanti del tomismo del Novecento – e mi si dice che tuttora sia la voce più seguita nelle Università pontificie. È stato molto amico di Ugo Spirito, che io conoscevo sin dal dicembre del 1950, quando ero andato a Roma per il concorso per la libera docenza. Spirito non era in commissione – che si riuniva nell’Istituto di Filosofia di cui egli, se ben ricordo, era direttore – ma era molto favorevole alla mia candidatura.

Da allora incominciò la mia amicizia con Spirito, che fece da collegamento nei miei rapporti con Fabro, molto cordiali nella sostanza, e che potevano anche dirsi di amicizia, sebbene altalenanti. Ma anche Bontadini aveva grande stima di Spirito, eppure lì la stima comune non fece da collegamenti tra Fabro e Bontadini.

(Emanuele Severino, Il mio ricordo degli eterni, Rizzoli, p. 96).

Massimo DONA’, Inaugurale Sacralità. Arte, religione e totemismo, in Le parole dell’Essere. Per Emanuele Severino, a cura di Arnaldo Petterlini, Giorgio Brianese, Giulio Goggi, Bruno Mondadori editore, 2005, pagine 201-220

vai alla scheda del libro:

https://emanueleseverino.com/2021/01/19/le-parole-dellessere-per-emanuele-severino-a-cura-di-arnaldo-petterlini-giorgio-brianese-giulio-goggi-bruno-mondadori-2005-pagine-718-indice-del-libro/

Carlo ENZO, La terza delle Dieci Parole di “Esodo 20” nell’interpretazione di Gesù, in Le parole dell’Essere. Per Emanuele Severino, a cura di Arnaldo Petterlini, Giorgio Brianese, Giulio Goggi, Bruno Mondadori editore, 2005, pagine 221-230

vai alla scheda del libro:

https://emanueleseverino.com/2021/01/19/le-parole-dellessere-per-emanuele-severino-a-cura-di-arnaldo-petterlini-giorgio-brianese-giulio-goggi-bruno-mondadori-2005-pagine-718-indice-del-libro/

Gianfranco DALMASSO, Cristianesimo e nichilismo. Note sulla introduzione e sul primo capitolo delle “Lezioni di filosofia della religione” di Hegel , in Le parole dell’Essere. Per Emanuele Severino, a cura di Arnaldo Petterlini, Giorgio Brianese, Giulio Goggi, Bruno Mondadori editore, 2005, pagine 171-200

vai alla scheda del libro:

https://emanueleseverino.com/2021/01/19/le-parole-dellessere-per-emanuele-severino-a-cura-di-arnaldo-petterlini-giorgio-brianese-giulio-goggi-bruno-mondadori-2005-pagine-718-indice-del-libro/

Giuseppe BARZAGHI O.P., Articolazione teoretica della teologia trinitaria in chiave tomistica, in Le parole dell’Essere. Per Emanuele Severino, a cura di Arnaldo Petterlini, Giorgio Brianese, Giulio Goggi, Bruno Mondadori editore, 2005, pagine 57-74

vai alla scheda del libro:

https://emanueleseverino.com/2021/01/19/le-parole-dellessere-per-emanuele-severino-a-cura-di-arnaldo-petterlini-giorgio-brianese-giulio-goggi-bruno-mondadori-2005-pagine-718-indice-del-libro/

Emanuele Severino inaspettato. Filosofia (e fede) per un amico, prefazione al volume autobiografico, mai uscito, del frate Francesco Alfieri, in Corriere della Sera 25 ottobre 2020 e già pubblicato in La Filosofia Futura n. 14, 2020

letto in edizione cartacea

cerca in:

https://www.pressreader.com/italy/corriere-della-sera/20201025/282222308251745

la FEDE e le FEDI spiegate da Emanuele Severino: analisi del tema “argumentum non apparentium” – da Antologia del TEMPO che resta

la fede è “argumentum non apparentium” è cioè l’argomento che la volontà umana dà alle cose che non sono di per se stesse evidenti

vai a:

la FEDE e le FEDI spiegate da Emanuele Severino: analisi del tema “argumentum non apparentium” – Antologia del TEMPO che resta

Prigioniero della volontà, l’intelletto del credente assume come incontrovertibile il controvertibile, Emanuele Severino, Pensieri sul cristianesimo, Rizzoli, Milano 1995, pp. 108 – 109

Prigioniero della volontà, l’intelletto del credente assume come incontrovertibile il controvertibile, come indubitabile il dubitabile, come certo l’incerto, come visibile l’invisibile, come chiaro l’oscuro. Anche per questo motivo nei miei scritti si sostiene che la fede – ogni fede (e oggi tutto è diventato fede) – è violenza e che l’essenza della violenza è la volontà che vuole l’impossibile, la contraddizione. Anche per questo motivo, ogni fede – religiosa, scientifica, politica – che oggi tenta di salvare l’uomo è animata da quella stessa violenza che essa intende combattere. (Emanuele Severino, Pensieri sul cristianesimo, Rizzoli, Milano 1995, pp. 108 – 109)

(3) Amici di Emanuele Severino | Facebook