Alla scoperta di tre dei versi più amati della letteratura italiana – in ilLibraio.it

vai aAlla scoperta di tre dei versi più amati della letteratura italiana - ilLibraio.it Amor ch’a nullo amato amar perdona E il naufragar m’è dolce in questo mare Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale

I poeti e la guerra: un percorso da Omero a Quasimodo

Sin dall'alba dei tempi la poesia si è dovuta spesso relazionare con la guerra, con posizioni diverse a seconda dell'autore e del secolo di appartenenza. Ecco lo sviluppo del rapporto tra guerra e poesia nei secoli.VAI A:I poeti e la guerra: un percorso da Omero a Quasimodo

“Il dormiente della valle”, una poesia di Rimbaud per riflettere sulla guerra

da“Il dormiente della valle”, una poesia di Rimbaud per riflettere sulla guerra E' un anfratto verde dove canta un fiume Appendendo follemente all'erba i suoi stracci D'argento; dove il sole, dalla fiera montagna Risplende: è una piccola valle spumeggiante di raggi. Un giovane soldato, la bocca aperta, il capo nudo, E la nuca immersa nel … Leggi tutto “Il dormiente della valle”, una poesia di Rimbaud per riflettere sulla guerra

Emanuele Severino citazioni su: POIESIS; LUOGO DI DOMINIO; TEMPO; ENTE

Antologia del TEMPO che resta

1. PlatoneSimposio, pf. 205: Ogni atto per cui una cosa passa dal non essere all’essere: creazione (poiesis, pro-duzione, portare alla presenza):

2. “l’elemento decisivo del pensiero greco è l’apertura del mondo inteso come luogo dove le cose escono e ritornano nel nulla, quindi come luogo di dominio” (E. Severino, Intervista, “Lotta Continua”, 09.03.1980);

3. “Il concetto fondamentale di tempo, anche se la scienza e la cultura occidentali non se ne rendono perfettamente conto, è quello in cui ’le cose hanno a che fare con il senso dell’essere e del niente’ illuminato dall’ontologia greca. Il tempo è la nientificazione delle cose: il loro uscire e ritornare dal niente (E. Severino,cit.);

4. “Per gli abitatori del tempo … l’ente è ciò che esce e ritorna nel niente. Quando non ne era ancora uscito era un niente; quando vi ritorna è daccapo un niente. Ma solo…

View original post 73 altre parole

L’argomento della mia poesia (e credo di ogni possibile poesia) è la condizione umana …, Montale. Vita, Poetica, Opere scelte, Il Sole 24 ore, 2007, p. 9

"L'argomento della mia poesia (e credo di ogni possibile poesia) è la condizione umana in sé considerata; non questo o quell'avvenimento storico. Ciò non significa estraniarsi da quanto avviene nel mondo; significa solo coscienza, e volontà, di non scambiare l'essenziale col transitorio". Così Montale parlava di sé in una intervista radiofonica del 1951, quando, negli … Leggi tutto L’argomento della mia poesia (e credo di ogni possibile poesia) è la condizione umana …, Montale. Vita, Poetica, Opere scelte, Il Sole 24 ore, 2007, p. 9

“Declina, ma non muore quel che è stato …”, Antonio Prete in Tutto è sempre ora, Einaudi

“Tutto è sempre ora” è l’attesa: di un respiro, di un cardo che fiorisce e “con il suo rosso: / un fiore di sillabe, / solo, dentro il giardino della lingua” (p. 14); l’attesa di un giorno, l’“essenza dell’amore è luce offerta / al gioco d’ombre, / grazia che disperde / il suo fulgore, quando … Leggi tutto “Declina, ma non muore quel che è stato …”, Antonio Prete in Tutto è sempre ora, Einaudi

L’inconsistenza del mondo. In viaggio attraverso l’illusione, il nulla, la meraviglia – in gazzettafilosofica!

L'inconsistenza del mondo. In viaggio attraverso l'illusione, il nulla, la meraviglia   Giacomo Leopardi e Friedrich Nietzsche nel farci vibrare l'animo e tremare i polsi hanno raggiunto una delle vette di quel percorso radicale della filosofia moderna in cui ancora ci troviamo, sospesi nel multiverso della nostra coscienza, la quale da spazi nichilistici annuncia: “aspettatevi … Leggi tutto L’inconsistenza del mondo. In viaggio attraverso l’illusione, il nulla, la meraviglia – in gazzettafilosofica!

È finita la notte, la poesia di Tagore sul destino

È finita la notte, la poesia di Tagore sul destinovai aÈ finita la notte, la poesia di Tagore sul destino È finita la notte È finita la notteSpegni la lampada fumantenell’angolo della stanza.Sul cielo d’orienteè fiorita la luce dell’universo:è un giorno lieto.Sono destinati a conoscersitutti coloro che camminerannoper strade simili.

Raffaele Mancini: L’USIGNOLO DEL FOSSO

L'USIGNOLO DEL FOSSO (poesia di Raffaele Mancini scritta in occasione di una grave malattia subita dalla moglie che ha risvegliato in lui l'amore degli anni lontani per la sua compagna di vita. Leggiamola:) La notte un usignolo cantava sull'acacia del fosso e non c'era più buio. Ora è cessato quel canto e nera s'è fatta … Leggi tutto Raffaele Mancini: L’USIGNOLO DEL FOSSO

Eduardo De Filippo dedicò a sua moglie Isabella una intensa Poesia dicendole: “Sai, quando non ci sarò più, guarda bene, perché, in tanti segni, io mi paleserò e tu mi troverai”.

Amici di Emanuele Severino | Facebook   “Sto ccà” Sto, qua, Isabella, sto qua. Che c'è? Non mi vedi? Già, non puoi vedermi, ma sto qua, sono in mezzo ai libri, tra le carte antiche, dentro ai cassetti del comò. Mi trovi quando il sole entra di sguincio, s'intrufola di taglio e fa brillare queste … Leggi tutto Eduardo De Filippo dedicò a sua moglie Isabella una intensa Poesia dicendole: “Sai, quando non ci sarò più, guarda bene, perché, in tanti segni, io mi paleserò e tu mi troverai”.