Interessante scambio di lettere tra Norberto Bobbio e Emanuele Severino, tratto dal gruppo facebook curato da vasco Ursini

In una lettera del 3 maggio 2000 Emanuele Severino scriveva a Norberto Bobbio:
“Caro Professor Bobbio, anche se non Le ho scritto direttamente, in questi anni ho spesso pensato a Lei. E mi sono spesso occupato del suo pensiero: con grande simpatia e stima, anche se in modo critico. Non so se lei abbia avuto occasione di leggere qualcosa. Ma ora leggo io, sull’ultimo numero di ‘MicroMega’ [2,2000], queste Sue affermazioni.

“Come e perché il passaggio dal nulla all’essere? E’ una domanda tradizionale, ma io non ho la risposta: perché l’essere e non piuttosto il nulla? Io non mi sono mai nascosto di non avere una risposta, e non so chi sappia darla a questa domanda ultima, se non per fede. Secondo Severino l’essere è infinito, l’essere ‘c’è’. Ma non è che così siamo in grado di capire cosa c’era prima”.

“Sono perfettamente d’accordo con Lei che quella è la ‘domanda ultima’. D’altra parte, non intendo certo, con qualche riga, sostituire le molte cose che ho scritto in proposito. Ma il Suo passo suona – mi permette di dirlo? – come se io non avessi scritto nulla. Mi lasci, allora, aggiungere queste righe.
In questo Suo passo si dà per scontato che l'”essere” sarebbe potuto rimanere nulla; ossia che ci sia un “tempo” in cui l'”essere” – l'”essere”, badi bene! – è nulla (un tempo in relazione al quale sia vero affermare che l'”essere” è nulla).
Ma l’affermazione: l'”essere” è “nulla” non è forse essenzialmente diversa dall’affermazione: “Il “nulla è nulla”?
Nella prima affermazione, infatti, è dell'”essere” – e non del nulla! – che si afferma che è nulla.
E che l'”essere” sia nulla non è anche per Lei inaccetabile? Infatti ci si può chiedere: “Perché l’essere e ‘non piuttosto’ il nulla?”, solo se si nega che l’essere è nulla.
Ma se la nullità dell’essere (ossia del non nulla) è impossibile, allora è impossibile che l’essere non sia, e cioè sia nulla.. Ossia è necessario che l’essere sia eterno.
Tutto questo significa che un “passaggio dall’essere al nulla” è impossibile; e che tentare di “capire cosa c’era prima dell’essere” significa daccapo affermare che quel “prima” è il “tempo” in cui l’essere è nulla.
Caro professore, L’ho tediata abbastanza. Penso a Lei con affetto e Le auguro ogni cosa buona”.

Nella sua lettera di risposta del 7 maggio 2000, Norberto Bobbio scrive, tra l’altro, di essere d’accordo con le considerazioni sviluppate da Severino nella sua lettera.

 

via (10) Amici di Emanuele Severino

Un pensiero riguardo “Interessante scambio di lettere tra Norberto Bobbio e Emanuele Severino, tratto dal gruppo facebook curato da vasco Ursini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.