Vasco Ursini: Se non fosse per quella preziosa propensione dei mortali a non pensare quasi mai alle terrificanti modalità della condizione esistenziale in cui sono “gettati”

Se non fosse per quella preziosa propensione dei mortali a non pensare quasi mai alle terrificanti modalità della condizione esistenziale in cui sono “gettati”, essi non potrebbero farcela a vivere nemmeno un attimo e porrebbero fine, uno dopo l’altro, a questo stare sulla terra a patire o ad assistere al susseguirsi di eventi di dolore e di morte che colpiscono loro stessi e gli altri, in attesa della propria morte. I rari momenti di serenità e di benessere che di tanto in tanto possono accadere sono, sostanzialmente, delle mere fugaci “pause” nel vortice infinito ed eterno di dolore e di morte.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.