L’anelare come “attesa”, di Vasco Ursini, in Amici di Emanuele Severino

 

Se l’uomo non è il mortale, ma l’apparire del destino della verità e se l’apparire di tale destino è contraddizione ( e precisamente contraddizione C), allora l’ “anelare” causa l’irrequietezza della contraddizione che l’uomo avverte intensamente. Irrequietezza che è l’apparire della necessità dell’oltrepassamento di ogni configurazione della terra.
L’anelare è dunque un vedere la necessità dell’oltrepassamento del luogo in cui esso si apre e quindi solo il destino della verità può essere l’anelante.
Poiché nel linguaggio dell’Occidente l’anelare implica invece il volere, il progettare, il credere nel divenir altro degli essenti, è preferibile usare la parola “attesa” perché tale parola allude alla consapevolezza di qualcosa che “non può non accadere”.

via (10) Amici di Emanuele Severino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.