Le opere di genio, Giacomo Leopardi, Zibaldone, 259-261

 

Hanno questo di proprio le opere di genio, che quando anche rappresentino al vivo la nullità delle cose, quando anche dimostrino evidentemente e facciano sentire l’inevitabile infelicità della via, quando anche esprimano le più terribili disperazioni, tuttavia a un’anima grande, che si trovi anche in uno stato di estremo abbattimento, disinganno, nullità, noia [ … ] servono sempre di consolazione, raccendono l’entusiasmo […] le rendono, almeno momentaneamente, quella vita che aveva perduta […] e l’anima riceve vita se non altro passeggiera dalla stessa forza con cui sente la morte perpetua delle cose, e sua propria.

(G. Leopardi, Zibaldone, 259-261).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.