Non basta possedere un campo: bisogna coltivarlo …, in Testimoniando il destino”, il nuovo libro Adelphi di Severino, 2019

Bisogna coltivare il campo

“Non basta possedere un campo: bisogna coltivarlo. Il campo di cui qui si tratta è l’insieme dei “miei scritti”. Un linguaggio, dunque. E anche questo libro intende indicare l’autentica “pianura della verità”.
Non è immodesto, perché esso è soltanto il segno che la indica. Il segno va coltivato. Quella pianura non ne ha bisogno. Non può nemmeno esser posseduta da alcuno. Essa è anzi l’essenza più profonda per la quale si è qualcuno>>.

“Testimoniando il destino”, il nuovo libro Adelphi di Severino.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.