Il destino, secondo Severino, testo di Vasco Ursini

 

Il destino, in quanto apparire dell’esser sé dell’essente, è coscienza di autocoscienza e cioè “io”: ”

Soltanto un apparire può rivolgersi a sé e vedere nel veduto lo stesso vedere, e dire “io” (La Gloria p. 60).

L’Io del destino è cioè ‘l’apparire autocosciente dell”esser sé dell’essente’; “l’apparire originario del destino è apparire di sé, autocoscienza e in questo senso “Io”; l’io del destino è la stessa verità originaria (ibi, p. 59).
Tralascio qui la circostanza che l’essere umano è anche il luogo in cui questa coscienza, nella sua verità, viene negata. In questo senso, per Severino, l’essere umano è il “mortale” quale luogo in cui questi due momenti stanno on contrasto tra loro.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.