Il sottosuolo del pensiero filosofico del nostro tempo, in Emanuele Severino, Lezioni milanesi – Il nichilismo e la terra, Mimesis edizioni, pp. 165-166

 

Questo sottosuolo mostra che l’esistenza di un eterno e innanzitutto di una verità immutabile, eterna, necessaria vanifica il divenire, quel divenire che per il mortale è l’evidenza suprema.

Lo vanifica perché trasforma il niente del futuro in un essente e così pure il niente del passato in qualcosa che è pur sempre trattenuto all’interno delle leggi della verità assoluta, del dio onnipotente e onnisciente. Il niente del futuro e il niente del passato vengono entificati.

Questa è la sostanza potente del sottosuolo filosofico del nostro tempo, di cui nemmeno i protagonisti o la maggior parte dei protagonisti di tale pensiero è consapevole.

Avevo accennato agli abitatori del sottosuolo e avevamo fatto il nome di Nietzsche, di Leopardi, di Gentile.

Potremmo fare qualche aggiunta, per esempio Bergson ( ma con molti distinguo), Dostoevskij, in qualche modo anche Wittgenstein. Ma mentre i tre nomi di sopra sono netti, occorrerebbe un lungo discorso per vedere come anche personaggi come Bergson , Dostoevskij, Wittgenstein e non Heidegger possono essere considerati abitatori del sottosuolo.

(Emanuele Severino, Lezioni milanesi – Il nichilismo e la terra, Mimesis edizioni, pp. 165-166).

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.