Severino una volta disse che era in attesa di un tipo di arte dove si potesse scorgere la differenza tra l’arte che sa della propria follia e quella che non lo sa … post di Riccardo Messina

Severino una volta disse che era in attesa di un tipo di arte dove si potesse scorgere la differenza tra l’arte che sa della propria follia e quella che non lo sa.
Non so se prima di morire fosse riuscito a vederla… io da artista, nel mio piccolo e con molta umiltà, penso che l’Arte ha sempre saputo della sua propria follia, e che è proprio questa sua consapevolezza a renderla ció che essa è, un’elogio alla mortalità che porta con se anche delle tracce dell’eternità dell’ente e della verità del Destino.
Quello sforzo enorme ed assurdo del mortale, che cerca con il suo ingegno e con la tecnica, di cogliere l’eternità di un “frame” dell’apparire, in tutta la sua bellezza o mostrosuità o astrattezza.
In questo sforzo Infinito dell’artista, peró, che non arriva mai a compiersi del tutto, c’è sempre un margine di miglioramento, un tendere infinitamente all’auto-miglioramento. Spero che vi piaccia questo acquerello realizzato in onore di un grande maestro, una guida, un faro di Luce in questa terra isolata (mi dispiace che Facebook ne ha ridotto la qualità e la risoluzione).
Un piccolo tributo personale per un grande uomo

 

da Facebook

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.