Vasco Ursini: STORIA, GIOIA DI EMANUELE SEVERINO

Tra le due parole del titolo compare una virgola: la congiunzione potrebbe far pensare alla semplice contrapposizione di storia e gioia. Il loro senso autentico è invece essenzialmente diverso da quello ovunque condiviso. La storia, si pensa, è ‘res gestae’. Ma il gesto ha un inizio e una fine. E invece solo gli eterni hanno Storia. Che non ha termine nemmeno con la loro morte. Solo essi possono morire. Anzi, è con la morte degli eterni che all’interno della loro Storia va mostrandosi la Gioia: La Storia non è soltanto il comparire e lo scomparire degli eterni: è l’ordine di questa vicenda.Non una semplice contrapposizione dei due termini, diciamo; e tuttavia essa non è nemmeno assente: precede la morte e con la morte ha compimento – sebbene anche prima della morte, anche nella non verità, quella dei mortali sia Storia degli eterni.La Storia precede quindi e segue la morte. E appare all’interno della Gioia e della totalità degli eterni: all’interno dell’Infinito che va mostrandosi nella Storia e, inesauribile, ne rende possibile l’infinito dispiegarsi.

(Emanuele Severino, Storia, Gioia, Adelphi, Milano 2016, Avvertenza).

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.