Parmenide e Severino, citazione da La Follia dell’Angelo, Rizzoli, Milano 1997, pp. 82-83, proposta da Vasco Ursini nel gruppo   Amici a cui piace Emanuele Severino

Parmenide e Severino

Ritornare a Parmenide non significa riproporre il passato. Ripensare Parmenide significa piuttosto ritornare al bivio da cui si dipartono il sentiero dell’Occidente e il sentiero non percorso dove la verità non è potenza sul divenire.
Nei miei scritti, ritornare a Parmenide significa oltrepassarlo in modo diverso da come è stato oltrepassato nel “parricidio” compiuto da Platone.
“Neoparmenidismo”? E’ un termine usato dai miei critici, non da me. Innanzitutto, l’essere a cui si riferiscono i miei scritti è la negazione dell’ “Essere” di Parmenide, perché non è l'”Essere” vuoto e astratto ma è la totalità concreta degli essenti.
Certo, della totalità concreta delle cose bisogna dire ciò che Parmenide dice dell’Essere, cioè che è eterna. Ma, affermando che gli essenti sono nulla, il pensiero di Parmenide (quello che è stato tramandato dalla tradizione filosofica) è la prima gigantesca forma di nichilismo.

(Emanuele Severino, La Follia dell’Angelo, Rizzoli, Milano 1997, pp. 82-83)

Sorgente: (1) Amici a cui piace Emanuele Severino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...