Luciano Tomagè, Forma e contenuto della Volontà, già pubblicato in gruppo facebook amici di Emanuele Severino, 14 settembre 2018

Forma e contenuto della Volontà.

Nella nostra “vita” di “poveri mortali”, nella nostra “vita” da “poveri mortali”, accadono alcuni eventi che ci portano vicini al senso della Verità, momenti in cui ci appare un senso che poi, via via, si allontana nella nebbia e che infine ci sfugge.
Anche rivolgendoci alla fonte della sapienza, ai testi sacri del sapere religioso, poetico, filosofico, ci capita di sentire tutto il peso del dubbio che grava sulla Verità. Cosa possiamo farci?
Ebbene occorre portarsi oltre la “vita” del “povero mortale” per riconoscerne l’ intimo peccato, la colpa o quantomeno la mancanza di innocenza. E cominciare a mettere in discussione il fondamento per cui la “vita” del “povero mortale” sarebbe l’ evidenza prima dell’ essere reale, l’ immediatezza del fenomeno, il fondamento originario inoltrepassabile.
La nostrra consapevolezza è che all’ interno della dimensione alienata della Verità, testimoniata dall’ Occidente come patria del Nichilismo (e dove si svolge la “vita” del “mortale” dominata dalla fede nel divenire), la nostra consapevolezza è che non si sfugge alla Volontà, cioè che la Volontà costituisce l’ intima natura, l’ essenza del “mortale”. Siamo immersi nel volere (la potenza). La nostra FORMA, in quanto mortali, è la Volontà.
Però, portandoci oltre la condizione alienata del nichilismo che avvolge la “vita” del “mortrale”, l’ accadimento della volontà che pure è inevitabile, può essere messo in discussione quanto ai suoi CONTENUTI, tutt’ altro che inevitabili.
In altre parole, se la Volontà è un ente necessario in quanto strutturato originariamente come contraddizione della Verità del Destino, i molteplici contenuti di tutte le sue individuazioni, in primis il “mortale”, sono contenuti nulli, sono niente.
Ora, mentre il “mortale vive la sua vita” attribuendo ad essi il massimo valore, colui che si è portato oltre la sfera del Nichilismo che avvolge la Terra, ne mette in discussione il fondamento e ne svela infine la loro natura illusoria, il loro positivo significare “nulla”.
Ecco cosa rimane da “fare” nella “vita” di noi “mortali”: mettere in discussione il CONTENUTO della Volonta, in quanto distinto dalla FORMA che l’ avvolge.
Ma per me l’ inizio si può rimandare anche a domani eh…oggi è il giorno del mio compleanno e faccio festa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.