Ma chi siamo veramente noi ?, da Emanuele Severino, Oltre l’uomo e oltre Dio, il Melangolo, 2002, p. 83

 

Noi siamo il Tutto eterno. Noi, il finito, siamo l’infinito. L’infinità della Gioia ( che è l’oltrepassamento totale della contraddizione del finito, ossia è l’apparire infinito del tutto) è ciò che l’apparire finito del destino della verità ‘in verità è’.

Certamente, “noi”, nella nostra essenza più profonda e originaria, siamo l’apparire finito del destino della verità, contrastato dalla sopraggiungente persuasione che, ritenendo la terra come la dimensione veramente affidabile e indubitabile, isola la terra dall’apparire finito del destino che pur appare eternamente.

“Noi” siamo il luogo originario della contraddizione perché, da un lato e innanzitutto, siamo il cerchio ‘finito’ dell’apparire del destino, cioè il destino in quanto avvolto dalla contraddizione C; dall’altro lato il nostro essere il destino della verità è contrastato dall’isolamento della terra, e questo contrasto – che è il nostro essere “mortali” – è una contraddizione non C. (…)

(Nel mio scritto ‘La Gloria’ (Adelphi, 2002) si mostra che già nel cerchio finito del destino è necessario che si faccia innanzi il tramonto dell’isolamento della terra e dunque del suo contrasto con l’apparire finito del destino).


(Emanuele Severino, Oltre l’uomo e oltre Dio, il Melangolo, 2002, p. 83).

 

da  Amici di Emanuele Severino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.