Sentiamo e constatiamo di essere eterni, B. Spinoza, Etica, Proposizione XXIII

 

La Mente umana non può andare distrutta totalmente col Corpo, ma di essa resta alcunché, che è eterno.
(B. Spinoza, Etica, Proposizione XXIII)

E’ questa idea che esprime l’essenza del Corpo sotto la specie dell’eternità, un certo modo del pensare, il quale appartiene all’essenza della Mente, e che è necessariamente eterno. Né, tuttavia, può darsi che ci ricordiamo di essere esistiti prima del Corpo, poiché ne si può avere nel Corpo alcuna traccia di quella esistenza, né l’eternità può definirsi nel tempo, né può avere relazione al tempo. Ma nondimeno sentiamo e constatiamo di essere eterni.
(Scolio della precedente Proposizione XXIII)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.