Il pensiero di Emanuele Severino, da ‘La struttura originaria’ (1958) a ‘Dike’ è assolutamente fedele alle sue premesse, del tutto lineare e il suo linguaggio del tutto compatto … , testo di Vasco Ursini

Vasco Ursini a Amici di Emanuele Severino

Il pensiero di Emanuele Severino, da ‘La struttura originaria’ (1958) a ‘Dike’ è assolutamente fedele alle sue premesse, del tutto lineare e il suo linguaggio del tutto compatto.

E tuttavia, a ben guardare, si possono cogliere nel suo discorso, soprattutto a livello di stile compositivo, profonde variazioni. Anche nello sviluppo del suo pensiero Severino è andato incontro a progressi ed aggiustamenti significativi di direzione. Si pensi ai tratti “nichilistici” presenti ne ‘La struttura originaria’ e al loro graduale superamento in ‘Ritornare a Parmenide’ e in tutte le successive opere.
Va però detto, a chiare note che queste “variazioni” che caratterizzano il suo itinerario di pensiero non sono mai delle ritrattazioni. Severino, imboccata la strada della verità del destino, non è più tornato indietro e ha proseguito senza tentennamenti e ripensamenti in quella direzione compiendo ovviamente dei “passi in avanti” nell’arco di una riflessione filosofica che dura da 58 anni.

“Passi in avanti” che egli stesso ci dice come vanno interpretati:

Il passo innanzi è possibile perché si appoggia al primo passo; ma non come nell’andatura dove ogni passo sembra anche cancellare quello precedente, ma [ … ] come una scala, dove i gradini più bassi rimangono sebbene ci siano quelli più alti, e li sostengono; anche se, stando su quelli più alti, si può vedere qualcosa che non si riusciva a vedere rimanendo su quelli più bassi. I gradini della scala sono infiniti. Il linguaggio non potrà mai percorrerli tutti. Ma l’intera scala infinita appare già da sempre in ognuno di noi. Il nostro esser Io del destino è il mostrarsi di questa scala – la scala del destino della verità”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.