Emanuele Severino, Corriere della Sera (21 febbraio 1999): … Per la filosofia del nostro tempo è quindi necessario liberarsi dal cristianesimo, che vuole essere appunto la verità definitiva e suprema in cui viene affermata la realtà immutabile di Dio … (citazione raccolta e proposta da Vasco Ursini)

Tanto la Chiesa quanto i suoi odierni avversari riducono la filosofia contemporanea a un “relativismo” invertebrato, a uno scetticismo ingenuo che, negando ogni verità assoluta, non sa nemmeno di avere la pretesa di valere esso come verità assoluta. La filosofia contemporanea non ha nulla a che vedere con lo scetticismo ingenuo. Nei suoi luoghi più alti (Nietzsche, Gentile e soprattutto Leopardi) essa comprende che se il mondo è divenire, creazione e annientamento delle cose e degli eventi, allora è impossibile che al di là o all’interno del mondo esista una qualsiasi realtà immutabile e una qualsiasi verità definitiva, perché essa anticiperebbe tutti gli eventi che si producono nel divenire del mondo, che pertanto sarebbe ridotto a pura illusione. Per la filosofia del nostro tempo è quindi necessario liberarsi dal cristianesimo, che vuole essere appunto la verità definitiva e suprema in cui viene affermata la realtà immutabile di Dio.

Emanuele Severino,  Corriere della Sera (21 febbraio 1999)

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.