Emanuele Severino, “La poiesis, come poesia originaria ed essenziale, cioè come produzione originaria della salvezza e della felicità, si presenta a un certo punto della storia dell’uomo, come filosofia. …”, da Il muro di pietra, 2006

La poiesis, come poesia originaria ed essenziale, cioè come produzione originaria della salvezza e della felicità, si presenta a un certo punto della storia dell’uomo, come filosofia.

L’angoscia per il dolore e la morte è dovuta alla loro imprevedibilità; e tale imprevedibilità giunge all’estremo quando la filosofia, nascendo, pensa innanzitutto che ciò che si manifesta nell’Aletheia sia il “nulla” da cui le cose provengono e in cui ritornano. Il nulla infatti è l’assolutamente imprevedibile e dunque l’assolutamente angosciante.

L’immagine festiva della vita, che la filosofia comincia a produrre rinnovando la festa arcaica, si solleva al di sopra della nullità di cui la vita è intrisa salvando l’uomo dal nulla.

E.S. – Il muro di pietra, 2006 – p.36-37

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.