Emanuele Severino, “in quanto volontà di trasformare le cose, nessuna attività umana pratica o teorica è possibile se non si sviluppa dall’apparire del diventar altro del mondo …” da La morte e la terra, 2011

Poiché, in quanto volontà di trasformare le cose, nessuna attività umana pratica o teorica è possibile se non si sviluppa dall’apparire del diventar altro del mondo, anche la scienza muove ogni suo passo partendo da tale apparire; che è sì un contenuto parziale dell’apparire trascendentale del destino, ma è una dimensione che, essendo isolata dal destino, è la dimensione trascendentale di ogni attività dei mortali.

E.S. – La morte e la terra, 2011 – p.444

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...