Felicità e verità, in Emanuele Severino, “Essenza del nichilismo”, Adelphi, p. 135, da La filosofia nel mondo d’oggi – Storia della Filosofia

 

“Proprio perché la ‘scienza’ ha rinunciato ad essere verità, ogni livello di perfezione e di felicità, cui essa abbia a portare l’uomo, non può essere vissuto che come qualcosa di precario, che si può perdere da un momento all’altro. Quanto più è desiderabile la vita che la τέχνη può realizzare, tanto più insoddisfacente è ogni logica, in possesso della τέχνη, volta ad assicurare la perfettibilità o almeno la stabilità di ciò che si è realizzato. La τέχνη togliere da ogni limite, ma non da quello consistente nel dubbio che tutto ciò che si è o si ha possa essere travolto in una imminente catastrofe. Solo la logica della verità – e cioè solo una risposta assoluta e incontrovertibile – può togliere il dubbio. E appunto per questo la filosofia, come luogo della verità, è il futuro dell’uomo; il quale, quando sarà sul punto di credersi padrone dell’essere, sentirà, con una forza non mai prima provata, il bisogno di sapere la verità di questa sua credenza e quindi, innanzitutto, il bisogno di sapere che cos’è la verità.”

— E. Severino, “Essenza del nichilismo”, Adelphi, p. 135

Sorgente: La filosofia nel mondo d’oggi – Storia della Filosofia – AM

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...