“Io finito del destino”, “Io infinito del destino (Gioia), dal Glossario delle espressioni chiave della filosofia di Emanuele Severino, in Nicoletta Cusano, Emanuele Severino – Oltre il nichilismo, Morcelliana, Brescia 2011, p. 527. Segnalato da Vasco Ursini

Glossario delle espressioni chiave della filosofia
di Emanuele Severino

4

Io finito del destino: è l’essenza autentica dell’uomo quale apparire autocosciente di sé (Io). In esso la totalità dell’essente appare processualmente e dunque non nella sua concretezza. Per questo si dice che è “finito”. La processualità dell’accadere che esso ospita è il progressivo toglimento della “contraddizione C”. Severino lo definisce “l’occhio di luce in cui so mostra il Dio”, precisando che si tratta di un occhio sempre aperto, senza palpebra; una luce sempre accesa, che non si può spegnere (avrebbe luogo, in tal caso, l’impossibile: l’annullamento di quell’essente che è appunto l’apparire finito). Esso non può nemmeno smettere di apparire, come l’apparire empirico, perché per iniziare a smettere di apparire dovrebbe entrare e uscire da se stesso.

Io infinito del destino (Gioia): L’apparire autocosciente di sé (Io) in cui appare da sempre e per sempre la totalità concreta dell’essente nella sua assoluta pienezza. In esso ogni contraddizione è ‘originariamente’ tolta: se non lo fosse, il destino avrebbe il proprio negativo “davanti” a sé, come qualcosa che deve essere tolto, e dunque non sarebbe de-stino. L’apparire infinito del destino non può apparire nella sua concretezza, nell’apparire finito del destino; e in quanto non vi può apparire, ne è l’ ‘inconscio’.

(Il Glossario è tratto da: Nicoletta Cusano, Emanuele Severino – Oltre il nichilismo, Morcelliana, Brescia 2011, p. 527)

3 pensieri riguardo ““Io finito del destino”, “Io infinito del destino (Gioia), dal Glossario delle espressioni chiave della filosofia di Emanuele Severino, in Nicoletta Cusano, Emanuele Severino – Oltre il nichilismo, Morcelliana, Brescia 2011, p. 527. Segnalato da Vasco Ursini

  1. Il secondo paragrafo del testo sopra citato di Nicoletta Cusano (che non ho a disposizione) “Io finito del destino (Gioia) ….. e in quanto non vi può apparire, ne è l”inconscio’. ” è correttamente riportato?

    Mi piace

    1. L’argomento, di cui afortunatamente in libri-intervista e di maggiore diffusione Severino non parla mai, è trattato ampiamente nell’ultimo capitolo di Destino della Necessità, oltre che ovviamente ne La Gloria.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.