FINE D’ANNO (1923), di Jorge Luis Borges, condivisa in occasione del 31.12.2012

TRACCE e SENTIERI: biografie fra Tempo, Luogo, Eros, Polis e Destino

Fine d’anno

Né la minuzia simbolica
di sostituire un tre con un due
né quella metafora inutile
che convoca un attimo che muore e un altro che sorge
né il compimento di un processo astronomico
sconcertano e scavano
l’altopiano di questa notte
e ci obbligano ad attendere
i dodici e irreparabili rintocchi.
La causa vera
è il sospetto generale e confuso
dell’enigma del Tempo;
è lo stupore davanti al miracolo
che malgrado gli infiniti azzardi,
che malgrado siamo
le gocce del fiume di Eraclito,
perduri qualcosa in noi:
immobile.

Jorge Luis Borges (Fervore di Buenos Aires, 1923)

——————————————————————-

il motivo più profondo che ci spinge ad attendere la magia dell’incontro con il nuovo anno è l’intuizione di un mistero, l’enigma del tempo”

View original post

Nel corso di una vita consacrata alle lettere e (talora) al dubbio metafisico, ho scorto o presentito una confutazione del tempo …

BORGES: Nel corso di una vita consacrata alle lettere e (talora) al dubbio metafisico, ho scorto o presentito una confutazione del tempo, alla quale io stesso nego fede, ma che spesso mi visita la notte e nello stanco crepuscolo, con illusoria forza di assioma. (Borges, Nuova confutazione del tempo (1946)(15) Amici di Emanuele Severino | … Leggi tutto Nel corso di una vita consacrata alle lettere e (talora) al dubbio metafisico, ho scorto o presentito una confutazione del tempo …

L’ARTE POETICA SECONDO J. L. BORGES

Guardare il fiume ch'è di tempo e di acqua e ricordare che anche il tempo è un fiume sapere che ci perdiamo come il fiume e che passano i volti come l'acqua. Sentire che la veglia è anch'essa un sonno, che sogna d'esser desto e che la morte che teme il nostro corpo è quella … Leggi tutto L’ARTE POETICA SECONDO J. L. BORGES

Nel corso di una vita consacrata alle lettere e (talora) al dubbio metafisico, ho scorto o presentito una confutazione del tempo, Borges, Nuova confutazione del tempo (1946)

Nel corso di una vita consacrata alle lettere e (talora) al dubbio metafisico, ho scorto o presentito una confutazione del tempo, alla quale io stesso nego fede, ma che spesso mi visita la notte e nello stanco crepuscolo, con illusoria forza di assioma. (Borges, Nuova confutazione del tempo (1946)