Emanuele Severino, “L’errare esiste, ed esiste come convinzione esplicita del mortale che l’essente diventa altro da sé  …”, in Fondamento della contraddizione, p.80

L’errare esiste, ed esiste come convinzione esplicita del mortale che l’essente diventa altro da sé e che, diventandolo, è altro da sé; e, anche come convinzione esplicita che l’essente proviene dal nulla e vi ritorna; e come convinzione implicita che l’essente in quanto essente, è niente. Cioè si tratta di comprendere che anche nella non verità, l’apparire dell’errare, cioè della contraddizione, è possibile solo in quanto la contraddizione appare come negata, e che questa negazione si fonda da ultimo sulla negazione (dell’errare e della contraddizione) che appartiene al destino della verità.

(E.S. – Fondamento della contraddizione, ) p.80

Sorgente: (1) Amici a cui piace Emanuele Severino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.