La parola a Bertrand Russell, da. ‘Tractatus logicico-philosophicus’ di Ludwig Wittgenstein, a cura di Amadeo G. Conte (Piccola Biblioteca Einaudi

“Con la mia lunga esperienza delle difficoltà della logica e dell’illusorietà di teorie apparentemente irrefutabili, non posso essere sicuro della giustezza di una teoria unicamente perché non posso vedere un punto nel quale essa sia errata. Ma l’avere costruito una teoria della logica che in nessun punto sia manifestamente errata è stata un’impresa di straordinaria difficoltà e importanza. E’ questo un merito che rende il ‘Tractatus’ di Wittgenstein un libro che nessun filosofo serio può impunemente ignorare”.

(Dall’Introduzione di Bertrand Russell al ‘Tractatus logicico-philosophicus’ di Ludwig Wittgenstein, a cura di Amadeo G. Conte (Piccola Biblioteca Einaudi).