“La vicenda sterminata dell’ “uomo” sulla faccia della terra può essere ricondotta ad un assioma fondamentale: la fede nel divenire. Ciò significa che la fede nel divenire costituisce il tratto che lega le diverse fasi di sviluppo … “di Luciano Tomagè

La vicenda sterminata dell’ “uomo” sulla faccia della terra può essere ricondotta ad un assioma fondamentale: la fede nel divenire. Ciò significa che la fede nel divenire costituisce il tratto che lega le diverse fasi di sviluppo dell’ intera vicenda, dando loro un senso unitario.

La fede nel divenire rappresenta cioè il denominatore comune alle diverse epoche del Nichilismo. In altre parole, la fede nel divenire rappresenta l’ essenza del Nichilismo, il quale si esprime in termini ontologici soltanto ad un certo punto di quella vicenda.

Da quel punto, cioè dalla filosofia greca, possiamo dire che inizia la storia del mortale e possiamo distinguerla dalla sua preistoria. L’ essenza del Nichilismo dunque, in quanto fede nel divenire, è l’ assioma fondamentale a cui è riconducibile tanto l’ epoca della magia, quanto quella del mito, quella della filosofia e infine quella della tecnica.

La fondazione filosofica del Nichilismo traccia certamente una differenza con le epoche precedenti che ancora ignorano il senso dell’opposizione tra essere e nulla, ma nondimeno esprime in termini di continuità l’errare dell'”uomo” sulla faccia della terra: il divenire magico mitico si esprime nei racconti e nelle leggende dei testi sacri della sapienza occidentale, dalla bibbia alle teogonie/cosmogonie pagane e politeiste (solo per fare gli esempi più noti), mentre il divenire ontologico si esprime nella Metafisica, cioè nella Scienza Prima, nella scienza dell’ ente in quanto ente, testimoniata dai primi filosofi greci. Dopo la fine della Metafisica, l’ eredità di questa fede spetta alla Tecno-scienza, cioè alla razionalità scientifica che ha abbandonato il valore epistemico della verità (di natura contemplativa) e affida ora alla prassi il compito di un dominio effettivo sull’ intera dimensione dell’ esistente.

Tutta questa vicenda ci dice che il terreno su cui l’ “uomo” ha innalzato e abbattuto tutti gli dei della tradizione, è costituito da una fede scambiata per evidenza: la fede, appunto, nel divenire altro da sé di tutte le cose.

Ora, come dice Severino, questa vicenda “errata” non costituirebbe un grosso problema se non fosse anche una vicenda “orrenda”, cioè se l’ errore del Nichilismo (espresso essenzialmente in questa fede), non fosse anche l’ “orrore” del Nichilismo, cioè tutto l’ immane volume di violenza e sopraffazione che contraddistingue la storia del mortale.

Perché la fede, in quanto tale, è Volontà e ogni volontà agisce in vista dei suoi scopi, persuasa di avere la capacità di raggiungerli, di avere la potenza di coordinare i propri mezzi per ottenere il voluto. Dunque il problema emerge dal fatto che il Nichilismo, lungi dal rimanere nell’astratto cielo delle idee, si cala nella realtà del mondo, della vita degli “uomini”, determina il senso pratico delle loro azioni.

Appare allora che l’ “uomo” di cui si parla è niente altro che una astrazione ideologica del pensiero alienato, il quale evita di nominarlo esplicitamente come mortale nella quotidianità dell’esistenza.

Ma è giunto il tempo di una seria discussione sulla vera essenza dell’ “uomo”, il tempo di riconoscere nell’ “uomo” l’ essenza della verità, cioè il suo destino, quello appunto di essere l’ apparire dell’ esser sé e non dell’altro da sé. È l’ ora di cogliere il senso abissalmente diverso che si apre quando la fede nel divenire tramonta e sorge il sole che illumina il sentiero del giorno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...